La liottizzazione…come funziona??
1473
post-template-default,single,single-post,postid-1473,single-format-standard,bridge-core-1.0.5,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

La liottizzazione…come funziona??

Qualche settimana fa, sullo scaffale di un supermercato, ho trovato questo prodotto….

Albume liottizzato

Dato che si faceva riferimento ad un “un particolare metodo di pastorizzazione che permette di mantenere inalterate le proprietà nutrizionali naturali dell’albume e soprattutto di evitare l’aggiunta di additivi e/o conservanti” ho deciso di approfondire la cosa.

Sono ormai fuori dall’università da qualche anno, infatti, e non ricordo di aver mai sentito parlare di questo processo termico chiamato liottizzazione.

Ho scoperto che 1 BOTTIGLIA da 1 kg DI ALBUME LIOTTIZZATO equivale a 32 ALBUMI D’UOVO
• 1 ALBUME = 31,25 g DI ALBUME D’UOVO LIOTTIZZATO
• Residuo secco: 11,5% • Proteine: 10,2% • Lipidi: tracce
• Conservazione a temperatura ambiente fino a 6 mesi: in tale condizione, il prodotto è pronto all’uso e già alla temperatura ottimale per la lavorazione.
• Ideale per tutte le preparazioni in cui sono indispensabili le proprietà montanti dell’albume: meringhe, spumiglie, torrone bianco, creme al burro, semifreddi, parfait, sorbetti, dacquoise.

Molti i rimandi su siti per “palestrati” ma totale silenzio sugli elementi per lo meno basilari di questo trattamento termico.

Ho anche scritto alla Eurovo, che se ho ben capito detiene il brevetto per tale procedimento, augurandomi di poter ricevere qualche informazione in più…

Per il momento restiamo in attesa e se qualcuno dei nostri lettori avesse notizie certe al riguardo, sarò ben lieto di pubblicarle.

6 Comments
  • Braitogema
    Posted at 16:26h, 29 Marzo Rispondi

    L’ho visto recentemente in laboratorio ma non ne ho sperimentato l’utilizzo

  • Stefano
    Posted at 16:40h, 12 Luglio Rispondi

    Non lo produce Eurovo, bensì un’azienda francese. Eurovo è l’importatore.

    • Raffaello De Crescenzo
      Posted at 00:45h, 14 Luglio Rispondi

      Grazie per la segnalazione. Comunque non mi hanno risposto e non ho potuto avere maggiori informazioni. Se lei ne ha e vuole condividerle, ne saremmo immensamente contenti.

  • Pingback:Eurovo risponde… | CulturAgroalimentare
    Posted at 10:12h, 20 Dicembre Rispondi

    […] beverage blogger, laureato in Tecnologie Alimentari e consumatore del vostro albume liottizzato. Qualche giorno fa ho scritto un post proprio su questo vostro prodotto, riproponendomi di contattarvi per cercare di avere maggiori […]

  • Pingback:Richiamo prodotto…. | CulturAgroalimentare
    Posted at 09:40h, 19 Dicembre Rispondi

    […] Ricordate l’albume liottizzato di cui vi avevo parlato qualche post fa? […]

  • FabioR
    Posted at 16:54h, 08 Dicembre Rispondi

    Già, Raffaello! Sarei proprio curioso! Purtroppo è un procedimento protetto da brevetto, quindi dubito si possano trovare informazioni tecniche e dettagliate a riguardo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: