5 gennaio 2016 Raffaello De Crescenzo

Ad inizio Dicembre ho avuto il piacere di essere ospite di un amico italiano, titolare di un’azienda in Scozia, che mi ha proposto di organizzare uno wine tasting per alcuni suoi contatti.

IMG_20151205_001342

Abbiamo, quindi, passato in rassegna un grosso ipermercato ed una bella enoteca di Glasgow.

Per quanto riguarda la G.D.O., l’impressione che si ha passeggiando tra gli scaffali destinati al vino in UK è che Australia e Nuova Zelanda siano realtà talmente importanti da esser state in grado di rosicchiare notevole spazio ai paesi europei. A quest’area del Mondo, infatti, è destinato il maggior numero di scaffali.

Subito dopo vi è la Francia e solo dopo l’Italia, che sgomita con la Spagna, seguita dal Cile.

Per quanIMG_20151204_133456.jpgto riguarda il Bel Paese, eccezion fatta per il Brunello di Montalcino, siamo fondamentalmente considerati produttori di vini bianchi, Prosecco in primis. Con mia grande soddisfazione, sono riuscito anche ad acquistare una bottiglia di Verdicchio dei Castelli di Jesi.

Che il Prosecco sia il principale “cavallo da tiro” della nostra enologia, è quanto emerge anche da una passeggiata all’interno di uno wine shop, dove i prezzi medi ovviamente lievitano, così come le nostre aspettative…

Ci lasciamo tentare da Aglianico e Nero di Troia, curiosi di vedere come verranno valutati dai nostri consumatori locali, ben più avvezzi a whisky e birra.

Abbiamo chiesto ai nostri profani assaggiatori, di dare dei voti a colore, gusto ed olfatto, servendo i vini, a bottiglia coperta, in ordine di colore (prima bianchi e poi rossi) e gradazione alcolica.

Terminati gli assaggi, ho “smascherato” le bottiglie e chiesto anche un parere “estetico” sulle stesse ed un’idea di prezzo, per sapere quanto sarebbero stati disposti a pagare per ogni singola bottiglia.

IMG_20151204_202432

Per quanto riguarda i bianchi, con mia grande soddisfazione, il Verdicchio è stato da tutti molto gradito, così come il Prosecco (acquistato, però, in offerta in enoteca); per entrambi i prodotti, pagati circa 5 sterline, i nostri assaggiatori sarebbero stati disposti a pagare quasi il doppio.

Da approfondire la valutazione del Sauternes che non è stato particolarmente apprezzato, ma per il quale tutti avrebbero speso anche di più del doppio delle 5 sterline pagate (si è trattato, però, di una bottiglia da mezzo litro).

IMG_20151204_202153

E’ sui vini rossi, invece, che i nostri assaggiatori vanno un po’ in “crisi”, dimostrandosi non particolarmente inclini a questa tipologia di prodotti che tendono ad esser considerati facilmente “pesanti” e per i quali non avrebbero speso i soldi necessari per l’acquisto delle bottiglie più importanti.

Il Feteasca Negra rumeno ed il Dreamtime Ridge australiano non hanno generalmente convinto, ma anche i prodotti più interessanti (Aglianico Beneventano, Nero di Troia ed un sorprendente Carmenere Cileno), per quanto considerati piacevoli al naso, sono stati complessivamente ritenuti troppo cari rispetto alle 15/20 sterline a bottiglia pagate.

Alcune considerazioni sono doverose: si è trattato di un panel veramente ridotto (sette elementi, compreso il sottoscritto) e con scarse o nulle esperienze pregresse di assaggio di vino. Tuttavia, ho constatato con piacere un notevole interesse da parte di tutti i partecipanti e mi sono divertito a rispondere alle numerose domande che mi sono state rivolte, soprattutto inerenti le tecniche produttive.

Il Regno Unito, così come i Paesi Scandinavi, è certamente un mercato interessante, con ottime possibilità di spesa da parte dei consumatori che sono, inoltre, particolarmente curiosi sul mondo del Vino.

La G.D.O., in particolare in questo Paese, può essere un canale valido, permettendo di trovare prodotti discreti a prezzi abbordabili.

Proprio alla luce della grande concorrenza legata al fatto di vivere all’interno di un mercato globale, è oggi più che mai necessario riuscire a distinguersi dalla massa ed a comunicare in maniera semplice e corretta con tutti i follower e possibili clienti sui diversi mercati.

Che questo possa essere l’anno della svolta per tutte quelle Aziende con la A maiuscola, serie e coerenti con i propri valori e con le proprie ambizioni.

IMG-20160101-WA0005.jpg

, , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*