Il caffè, alle radici del piacere... Due gustose interviste!
31117
post-template-default,single,single-post,postid-31117,single-format-standard,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

Il caffè, alle radici del piacere… Due gustose interviste!

Per i primi 30 anni della mia vita non sono mai stato un grande amante del caffè e in generale non ho mai sentito la necessità di prenderne più di un paio al giorno.

È stato crescendo e facendo dell’analisi sensoriale un perno importante della mia vita professionale che ho imparato ad apprezzare sempre più questo liquido scuro ed amaro, necessario sprint vitale per gran parte della popolazione.

Del resto, se l’acqua è la solo bevanda più consumata del caffè al mondo, deve pur esserci qualcosa che lo renda speciale…

Nel 2012 ho avuto la fortuna, per un breve periodo, di lavorare per una delle più grandi aziende al mondo di questo settore e da allora ho iniziato a capire quanta ignoranza vi fosse sul tema del caffè.

Ecco perché ho deciso di iniziare a parlarne più diffusamente con chi vive e lavora tutti i giorni a stretto contatto con questo prodotto tanto affascinante: i baristi ed i torrefattori.

Vi presento, dunque, Emanuele Lezzi e Manuel Terzi. Il primo è un giovane torrefattore del Salento, il secondo, invece, è un esperto del settore, con moltissimi anni di esperienza dietro al bancone, innumerevoli corsi fatti, ma anche libri scritti e, soprattutto, imprenditore affermato in questo ambito.

È con loro che ho condotto due puntate delle mie “Interviste di gusto”, che vi lascio assaporare, in attesa di poter tornare molto presto con un approfondimento testuale sull’argomento

Buona visione!!

 

No Comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: