Il Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo debutta alla Milano Wine Week
31435
post-template-default,single,single-post,postid-31435,single-format-standard,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
CONSORZIO TUTELA VINI DABRUZZO

Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo debutta alla Milano Wine Week

Montepulciano d’Abruzzo, Abruzzo Pecorino, Cerasuolo d’Abruzzo e Trebbiano d’Abruzzo tra le principali proposte dell’Abruzzo enologico che si presenta alla piazza milanese per ripartire anche nel mondo degli eventi

I Vini d’Abruzzo saranno protagonisti della quarta edizione della Milano Wine Week e il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo animerà il quartiere di Porta Venezia, storico cuore pulsante della kermesse milanese dedicata agli operatori e agli appassionati. La regione più green d’Europa rappresenta sempre più un’eccellenza del Made in Italy enologico che ha molto da raccontare e che ha scelto un palcoscenico sfidante, come Milano, per farlo.

E’ tempo di ripartenza e, finalmente, accanto agli eventi digitali che tanto ci hanno insegnato in questi difficili mesi si torna a fare eventi in presenza”, spiega Valentino Di Campli presidente del Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo con cui non ha mai smesso di fare promozione e con cui da qualche mese – sia in Italia sia all’’Estero, dove è consentito – ha ricominciato a fare eventi per raccontare dal vivo il panorama enologico così variegato che caratterizza il territorio abruzzese. “Milano è una piazza importante di incontro e di business, la Milano Wine Week si presenta in questa nuova edizione come un’occasione per raccontare agli operatori del settore – e non solo – la straordinaria varietà dei vini d’Abruzzo con il nostro Montepulciano d’Abruzzo a fare da capofila, ma dando voce anche a diverse referenze di Pecorino – sempre più richiesto dai mercati – Cerasuolo e Trebbiano d’Abruzzo”, continua Di Campli soddisfatto dell’entusiasmo con cui i produttori hanno sposato questa iniziativa seppur in un periodo dell’anno impegnativo come quello della vendemmia, periodo  in cui però, si sa, gli operatori fanno le scelte per le carte vini. “Nel nostro settore vi è bisogno di confrontarsi quotidianamente con il mercato, i competitor e il target di riferimento; crediamo che la Milano Wine Week rappresenti uno dei tanti strumenti con cui perseguire il nostro obiettivo principale che è quello di dare voce e visibilità alle nostre Aziende e ai loro vini”, conclude Di Campli. 

I locali e i ristoranti del quartiere di Porta Venezia – fucina del business, dello shopping e della ristorazione milanese – proporranno in degustazione, durante tutta la manifestazione, i Vini d’Abruzzo in collaborazione con il Consorzio, da sempre impegnato nella valorizzazione del territorio e dei suoi vitigni autoctoni più importanti. 

Nelle giornate del 3 e 4 settembre – presso Wine Business City al Megawatt Court – una delegazione di 20 Aziende del Consorzio sarà presente per incontrare invece gli operatori del settore e la stampa; il 4 in calendario anche una masterclass a Palazzo Bovara che avrà come focus l’Abruzzo Pecorino che, estremamente rivalutato negli ultimi anni, spicca per carattere, freschezza e bella aromaticità.

Tante proposte quindi per soddisfare diverse tipologie di target. Il Montepulciano d’Abruzzo è sicuramente considerato uno tra i grandi vitigni a bacca rossa d’Italia e rappresenta più della metà della base ampelografica regionale, oltre ad essere il vitigno di riferimento della doc Montepulciano d’Abruzzo, che nel 2018 ha compiuto 50 anni. Di assoluta rilevanza anche la produzione di vini rosati come il Cerasuolo d’Abruzzo, dal 2010 prima denominazione in Italia dedicata esclusivamente alla tipologia rosata. Tra bianchi autoctoni spicca, oltre all’Abruzzo Pecorino, il Trebbiano d’Abruzzo, vino bianco di grande potenzialità e versatilità, tanto da poter essere apprezzato sia giovane, nella sua piacevolezza, che nella sua versione più longeva e complessa. Oppure ancora la Passerina, la Cococciola e il Montonico. Tra le novità più recenti anche il successo crescente di una produzione di spumanti da uve autoctone, ottenuti per lo più con metodo Martinotti, a cui l’Abruzzo sta dedicando grande attenzione.

IL CONSORZIO TUTELA VINI D’ABRUZZO
Organismo di carattere associativo senza scopo di lucro, il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è stato istituito nel 2003 con Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (MiPAF) per svolgere funzioni di tutela, valorizzazione e di cura generale degli interessi connessi alle denominazioni da esso tutelate. Sovrintende all’adempimento della disciplina regolamentare delle denominazioni, alla formulazione di eventuali proposte di aggiornamento della stessa, e coordina il lavoro delle categorie produttive del settore ai fini della valorizzazione delle singole denominazioni. 
Il Consorzio tutela i seguenti vini a Denominazione di Origine Controllata: Montepulciano d’Abruzzo Doc, Trebbiano d’Abruzzo Doc, Cerasuolo d’Abruzzo Doc, Abruzzo Doc, Villamagna Doc. Tutela inoltre anche i vini a Indicazione Geografica Tipica: Colline Pescaresi Igt, Colline Teatine Igt, Colline Frentane Igt, Colli del Sangro Igt, Del Vastese o Histonium Igt, Terre di Chieti Igt, Terre Aquilane o Terre de L’Aquila Igt.

Ufficio Stampa ZED_COMM
Simonetta Gerra

No Comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: